Fleet Management: un vademecum per le imprese

Da qualche anno a questa parte, si è definita una "nuova normalità" per la gestione delle flotte aziendali. Dopo la pandemia e i conflitti geopolitici, garantire la business continuity è diventato ancora più sfidante.

In generale, le flotte hanno vissuto un periodo in cui si imponevano meno trasferte per i dipendenti, proroghe dei contratti di noleggio in essere (oltre al downsizing dei veicoli in flotta), adozione di PSCL (Piano Spostamenti Casa Lavoro) ed elettrificazione.

Durante questo periodo di cambiamenti significativi, le aziende hanno dovuto adattare le proprie strategie di gestione delle flotte per rispondere alle nuove esigenze e sfide

In questo approfondimento trattiamo i temi di principale interesse per i fleet e mobility manager.

Buona lettura!  

 

 

Quali sono le FAQ più comuni sul fleet management? Scopri le risposte dell'esperto di Fratelli Giacomel, Fabio Madeddu! Clicca il bottone qui sotto e scarica gratuitamente il documento. 

Scopri le FAQ!

 

 

Indice:

1. Auto aziendali: gli argomenti da conoscere:

1.1 Car List

1.2 Car Policy

1.3 TCO - Total Cost of Ownership

1.4 Noleggio auto aziendali

1.5 Automezzi e veicoli commerciali

1.6 Elettrificazione, telematica e gestione consumi

2 Tassa auto aziendali: novità sul fringe benefit

3. Costi auto aziendali: consigli per ridurli

4. I servizi di Fratelli Giacomel per il Fleet Management

4.1 L’innovativo servizio di gestione delle flotte aziendali

4.2 MSU: la Mobile Service Unit

 

 

 

1. Auto aziendali: gli argomenti da conoscere 

Quando si parla di auto aziendali, ci sono una serie di concetti che non si possono ignorare. Qui presentiamo una selezione degli argomenti più gettonati tra i Fleet Manager.

 

 

 

1.1 Car List

Un’auto aziendale è utile per una moltitudine di scopi. Può aiutare i datori di lavoro ad attrarre, trattenere e motivare il personale. Può migliorare l'immagine dell’impresa, comunicando valori come la responsabilità ambientale.

E poi, naturalmente, svolge le funzioni più pratiche come il trasporto dei dipendenti, il trasporto adr merci pericolose, insieme a tutti gli strumenti e le attrezzature di cui hanno bisogno.

Non esiste un singolo modello che soddisfi al meglio tutti questi ruoli per ogni conducente della tua flotta. Ecco perché un datore di lavoro deve offrire varietà, attraverso un elenco di scelte - la cosiddetta Car List - accuratamente selezionato. Quali sono gli aspetti principali da considerare per costruire la car list per la tua impresa? Eccoli riassunti: per approfondire, puoi leggere l’articolo “Costruire una Car List: tutto quello che devi sapere”.

  • Determinare le funzioni del personale e la destinazione d’uso dei veicoli
  • Valutare i modelli
  • Indicare il tetto massimo di chilometri
  • Verificare consumi ed emissioni
  • Verificare la franchigia
  • Valutare la presenza dell’auto sostituiva

 

Se invece stai cercando una guida che ti permetta di creare la tua Car List, con esempi concreti di questo documento, clicca sul bottone qui sotto e scaricala gratuitamente!

 

Scarica la guida su come compilare una Car List

 

 

Sapevi che il servizio di Fleet Management di Fratelli Giacomel offre consulenza e supporto pratico per la definizione della Car List? Se ne hai necessità, clicca sul bottone qui sotto e contattaci senza impegno.

 

Contattaci per maggiori informazioni sul reparto flotte

 

 

1.2 Car Policy

Come la Car List, anche la Car Policy è un documento fondamentale per ogni impresa che abbia una flotta aziendale. La Car Policy è un passo importante nella definizione della Car List: di norma viene rivista ogni 4/5 anni ed è bene che sia il più completa possibile. Tipicamente, in questo documento è necessario evidenziare alcuni criteri. Ad esempio:

  • Chi può godere del benefit dell’auto aziendale?
  • Quali sono i criteri delle fasce di assegnazione? Solitamente all’interno dell’azienda i dirigenti hanno diritto a una certa tipologia di vettura, mentre la forza vendita a un’altra.
  • Quali sono le norme d’uso dei veicoli? Bisogna scegliere se destinare i veicoli in fringe benefit oppure a solo uso operativo.
  • Quali informazioni accessorie aggiungere? Ad esempio, specifiche su come verranno gestiti eventuali sinistri, multe o coperture assicurative.

Per conoscere nel dettaglio le voci da inserire in Car Policy, puoi leggere l’articolo “Car Policy: una guida per costruirla al meglio”.

 

 

compilare car list

 

 

 

1.3 TCO - Total Cost of Ownership

Il Total Cost of Ownership è un parametro importante da conoscere e da tenere sotto controllo per ottimizzare i costi della propria flotta aziendale, come vedremo tra poco.

Ne abbiamo parlato all’articolo “TCO: guida al Total Cost of Ownership per le auto aziendali”:

 

 

Il Total Cost of Ownership, o TCO, si riferisce al costo totale di proprietà di un veicolo, ed essenzialmente include il costo di acquisto, eventuali costi operativi e di manutenzione sostenuti nel corso della vita della vettura, nonché eventuali proventi della rivendita.

 

 

La scelta del veicolo giusto e delle specifiche corrette è fondamentale per ridurre al minimo il TCO. I veicoli con specifiche eccessive fanno aumentare i costi. D'altro canto, un veicolo a basso costo ma poco equipaggiato può influire sulla produttività e può guastarsi più spesso, oltre a comportare un rendimento inferiore alla rivendita.

Il singolo costo maggiore del TCO, quindi, è il costo stesso dei veicoli. A questo si aggiungono il costo del carburante e le attività di manutenzione. Il resto del TCO è composto dalla somma di voci come assicurazione, interessi, commissioni di gestione della flotta, licenze e così via.

Alcuni costi sono fissi e altri sono variabili: è proprio su questi che bisogna concentrarsi per ridurre il TCO totale.

 

Audi_fleet.001

 

 

Gestione flotte aziendali: clicca qui sotto, scarica i casi studio di Fratelli Giacomel e scopri come ottimizzare la tua flotta! 

Scarica i casi studio flotte aziendali

 

 

1.4 Noleggio auto aziendali

Proprio in funzione di ridurre il TCO, le diverse opzioni di noleggio auto aziendali possono rivelarsi la soluzione migliore. Quanti tipi di noleggio esistono? All’articolo “Noleggio flotte a breve, medio e lungo termine: facciamo chiarezza” abbiamo approfondito l’argomento. In generale esistono queste categorie:

 

1. Noleggio a breve termine - short term , un contratto stipulato con una società di noleggio o una concessionaria che generalmente va dai 30 giorni fino a qualche mese, motivo per cui si parla di breve termine.

 

2. Noleggio a medio termine - mid term, dai 6 ai 24 mesi, rappresenta la scelta più richiesta durante il periodo di incertezza causato dalla pandemia: il mid-term offre più flessibilità del lungo termine e costi più contenuti del breve termine.

 

3. Noleggio a lungo termine - long term, tipicamente dai 4 anni in poi, evita di investire il capitale nell’acquisto dei veicoli ed è una soluzione con canone mensile fisso, il cui importo è contrattato in base a una serie di specifiche.

 

 

Fratelli Giacomel offre tutte e tre le formule, oltre a diverse altre soluzioni per l’acquisto e il leasing. Per saperne di più, clicca sul bottone qui sotto e chiedi informazioni al nostro esperto!

 

Contattaci per maggiori informazioni sul reparto flotte

 

 

1.5 Automezzi e veicoli commerciali

Una buona gestione delle flotte aziendali è cruciale anche per i veicoli commerciali leggeri (LCV), utilizzati comunemente per il trasporto di merci e attrezzature, consegne e servizi ai clienti. Come per gli altri tipi di veicoli, anche gli automezzi leggeri richiedono manutenzione regolare e possono essere dotati di sistemi telematici per ottimizzare i percorsi e migliorare l'efficienza. 

All'articolo "Scadenzario automezzi: Fratelli Giacomel al tuo servizio" si possono trovare informazioni aggiuntive in merito a tutte le scadenze da tenere sotto controllo nel parco veicoli, e come fare. 


All'articolo "I veicoli commerciali nelle flotte aziendali" sono elencate alcune delle attività chiave coinvolte nella gestione di una flotta di veicoli commerciali, come l'acquisto o il noleggio, le tempistiche di manutenzione e riparazione, la gestione del carburante e l'ottimizzazione dei percorsi. 

Per un ulteriore approfondimento, si può leggere anche l'articolo "Gestione automezzi: cinque consigli per una flotta sempre al top". 

 

ID.Buzz

 

 

1.6 Elettrificazione, telematica e gestione consumi

Come abbiamo già descritto, la gestione del parco auto aziendale rappresenta un elemento cruciale per garantire l'efficienza operativa e la riduzione dei costi. Questo include non solo la gestione degli acquisti e del noleggio dei veicoli, ma anche un attento monitoraggio del consumo di carburante e l'adozione di strategie per l'ottimizzazione della flotta.

Il tema green/sostenibilità è un altro concetto che si sta gradualmente sviluppando nelle imprese. Con l'aumento della popolarità delle auto elettriche aziendali, per esempio, diventa fondamentale pianificare adeguatamente le fasi di ricarica. Anche in impresa, infatti, i veicoli elettrici possono consentire importanti risparmi sul lungo periodo, a patto che vengano utilizzati nelle condizioni più appropriate.

Utilizzando la telematica flotte, invece, è possibile raccogliere dati in tempo reale sui veicoli, consentendo ai gestori di flotta di monitorare le prestazioni, individuare eventuali problemi e ottimizzare i percorsi per massimizzare l'efficienza complessiva della flotta. Integrando tutti questi elementi, le aziende possono migliorare l'efficienza della flotta, ridurre i costi e contribuire alla sostenibilità ambientale.

 

 

Gestione flotte aziendali: clicca qui sotto, scarica i casi studio di Fratelli Giacomel e scopri come ottimizzare la tua flotta! 

Scarica i casi studio flotte aziendali

 

 

2 Tassa auto aziendali: novità sul fringe benefit

Il fringe benefit è la tassa sulle auto aziendali. Le vetture fornite dalle imprese rappresentano un beneficio accessorio, una forma di pagamento alternativa a un dipendente. Secondo la legislazione attuale, per i veicoli di nuova immatricolazione a partire da luglio 2020 è necessario calcolare la tassa moltiplicando:

  • il costo chilometrico della specifica autovettura ottenuto dalle tabelle ACI (aggiornate annualmente);
  • una percorrenza annua convenzionale di 15.000 km/anno;
  • una percentuale che, prima di luglio 2020, era pari a 30% per tutte le autovetture, e che, a partire dal 1 gennaio 2021, è definita in funzione delle emissioni specifiche di CO2 dell’autovettura:

- 25% per le auto con emissioni comprese tra 0 e 60 gCO2/km,

- 30% per le auto con emissioni comprese tra 61 e 160 gCO2/km,

- 50% per le auto con emissioni comprese tra 161 e 190 gCO2/km,

      • 60% per le auto con emissioni superiori a 190 gCO2/km.

Scopri tutte le novità della tassa auto aziendali all’articolo “Tassa auto aziendali: novità sul fringe benefit”.

 

 

3. Costi auto aziendali: consigli per ridurli

Fra TCO, fringe benefit, costo del carburante e voci accessorie, gli esborsi per gestire le auto aziendali sono molti e specialmente in questo periodo di criticità, impattano in modo importante sull’impresa. Come fare per tenerli sotto controllo e ridurli il più possibile? Puoi leggere l’approfondimento “Ridurre i costi di gestione delle auto aziendali: sei consigli utili”. Ad esempio, troverai consigliato di:

  • affidarsi a uno specialista per stilare la Car List;
  • costruire un buon piano di manutenzione;
  • ridurre i viaggi della cosiddetta “flotta grigia”;
  • inserire in car list i veicoli green.

Volkswagen ID.4 ID.5

 

 

 

4. I servizi di Fratelli Giacomel per il Fleet Management

Non solo concessionaria ufficiale di riferimento per le società di noleggio: Fratelli Giacomel è un dealer storico della città di Milano, partner del Gruppo Volkswagen.

Il reparto dedicato al Fleet Management offre, in modo diretto, un servizio di mobilità integrato per le aziende. Il focus è sia sulle grandi imprese sia sulle PMI, molto diffuse nel nord Italia. Questo servizio ad oggi è attivo nelle sedi di Milano, Assago e Lodi. Si parla di servizio di gestione flotte innovativo: perché?

 

 

4.1 L’innovativo servizio di gestione delle flotte aziendali

L’approccio di Fratelli Giacomel è orientato al cliente e si può definire olistico: un metodo diverso, rispetto a quello adottato da molti noleggiatori, che mira a offrire tanti servizi oltre al bene mobile. Ad esempio, la consulenza diretta e senza intermediari di chi le auto le conosce, le procura e poi le ripara, in stretto contatto con le case madri. Ma non solo: Fratelli Giacomel si occupa anche della gestione delle pratiche, delle manutenzioni straordinarie e dell’ordinaria amministrazione.

 

 

Un’offerta pensata per tutti coloro che vogliono un servizio completo quando si approcciano al fleet management.

 

 

Pensando alla nuova mobilità urbana post emergenza sanitaria, Fratelli Giacomel propone anche un’offerta noleggio innovativa, non solo in termini di sostenibilità (ad esempio con i veicoli elettrici), ma anche in termini di “micromobilità”: dagli scooter ai monopattini elettrici, perfetti per spostarsi in centro città.

Anche il cambio stesso del veicolo, quando serve, diventa un’opzione più semplice con Fratelli Giacomel, che propone un’offerta “all inclusive” per la propria gamma di veicoli.

 

Scopri la totale “peace of mind” nell’affidarsi a Fratelli Giacomel: trovi informazioni dettagliate all’articolo “L’innovativo Fleet Management di Fratelli Giacomel”.

 

Fleet management Škoda

 

 

4.2 MSU: la Mobile Service Unit

Avere un programma di manutenzione stabilito per la tua flotta è un ottimo modo per gestire i rischi, garantire la sicurezza e ridurre al minimo le spese. Il tema della manutenzione nel suo complesso può essere generalmente suddiviso in tre categorie principali, indipendentemente dal tipo di veicolo della flotta o dall’azienda:

  • Manutenzione preventiva: proprio come la medicina preventiva, questo tipo di manutenzione si concentra sul mantenimento della “salute” generale del veicolo tenendo d'occhio eventuali potenziali problemi in via di sviluppo.
  • Manutenzione ordinaria: simile alla manutenzione preventiva, questa tipologia si concentra su lavori che necessariamente sono da effettuare con regolarità per ogni tipo di veicolo.
  • Manutenzione di emergenza: come suggerisce il nome, la manutenzione di emergenza non è programmata e generalmente non può essere pianificata o anticipata.

In Fratelli Giacomel, per offrire un servizio di eccellenza abbiamo creato la Mobile Service Unit: una vera e propria officina mobile che consente di compiere, direttamente presso il cliente, una vasta serie di operazioni, specialmente in ambito di manutenzione ordinaria e di emergenza. Perché? Abbiamo lanciato il programma MSU con l'obiettivo di ridurre al minimo il fermo dei veicoli, offrendo ai nostri clienti assistenza on-site. 

Se vuoi saperne di più, leggi l’articolo dedicato alla Mobile Service Unit!

 

 

 

In conclusione, il Fleet Management è un processo complesso e sfidante, che tipicamente richiede il coinvolgimento di un partner nella gestione delle flotte.

Un programma di Fleet Management di successo monitora, analizza e lavora per ottimizzare ogni aspetto della flotta, che comprende la parte strategica di compilazione di Car List e Car Policy, il monitoraggio della flotta, la manutenzione e l’ottimizzazione di tutti i costi operativi.

Se vuoi scoprire come ottimizzare il tuo reparto flotte o hai bisogno di supporto nella gestione, clicca il bottone qui sotto e contatta un esperto di Fratelli Giacomel: il reparto Fleet Management è a tua disposizione!

 

Contattaci per maggiori informazioni sul reparto flotte

 

 

2024-04-15 13:30:52

Vai all'articolo precedente

Benzina al posto del diesel: rischi, conseguenze e rimedi

Vai all'articolo successivo

TAN e TAEG, spiegati bene

Lascia il tuo commento