Auto elettriche aziendali: lo sviluppo delle flotte sostenibili

Per far fronte agli obiettivi sempre più stringenti di riduzione delle emissioni, ma anche per ottenere un vantaggio dal punto di vista del Total Cost of Ownership delle flotte, molte imprese stanno dirottando i propri sforzi verso le auto elettriche aziendali. 

 

Infatti, la scelta di dotarsi di una flotta elettrica consente una riduzione dei costi di gestione, in particolare quello del carburante e della manutenzione.

 

Anche in questo periodo storico particolarmente delicato, segnato dalla pandemia e dai recenti sviluppi geopolitici, la strada verso l'elettrificazione continua a essere una soluzione lungimirante per le imprese. In questo articolo analizziamo lo stato delle flotte aziendali elettriche in Italia e le fasi di transizione che i fleet manager si trovano ad affrontare. Buona lettura! 

 

 

Serve aiuto per impostare la car list? Clicca il bottone qui sotto e scarica la guida!

Scarica la guida su come compilare una Car List

 

 

Indice: 

- Auto elettriche aziendali: i dati in Italia

- Green Deal europeo: cosa significa per i fleet manager

- Auto elettriche aziendali: le 4 fasi di transizione

 

 

 

- Auto elettriche aziendali: i dati in Italia

In Italia, la quota di auto elettriche aziendali rappresenta quasi un terzo delle immatricolazioni totali del 2021 (fonte: dati di immatricolazione UNRAE). 

Secondo la ricerca di Motus-E, i mobility manager prediligono l’inserimento in car list di auto elettriche se i collaboratori hanno accesso a un punto di ricarica notturno. Questa influenza deriva dall’infrastruttura di ricarica pubblica in Italia, che deve ancora essere potenziata ma che, nonostante i limiti, complessivamente (quindi anche per i conducenti privati) non sembra un disincentivo all’acquisto di veicoli green. 

Stefano Sordelli, Future Mobility Director di Volkswagen Italia, ha dichiarato:

 

Il risparmio sul Total Cost of Ownership sarà sempre di più un’argomentazione valida per vendere le auto elettriche, soprattutto per le flotte aziendali. […] I costi di esercizio più bassi si possono far percepire tramite formule di possesso, come il noleggio a lungo termine, in cui il canone mensile su vetture elettriche può essere inferiore.

 

 

Auto elettriche aziendali-1

 

 

- Green Deal europeo: cosa significa per i fleet manager

Il Green Deal, la strategia della Commissione Europea per la mobilità sostenibile, ha fissato dei target chiari: un obiettivo a livello europeo di zero emissioni di carbonio entro il 2050, con una riduzione fino al 55% entro il 2030 (il famoso Fit for 55%). 

 

Secondo il report di EY, il contributo più grande e più rapido alla decarbonizzazione del trasporto su strada arriva proprio dalle flotte aziendali: con 63 milioni di veicoli in Europa, le flotte rappresentano il 20% del parco veicoli totale, che percorre oltre il 40% dei chilometri totali dei veicoli e contribuisce per il 50% alle emissioni del trasporto su strada. 

 

Gli obiettivi fissati dall’Unione Europea significano sostanzialmente che vi saranno sempre più restrizioni all’uso di motori a combustione, specialmente dei più inquinanti, e che gli investimenti saranno non solo a sostegno del mercato elettrico, ma anche dell’infrastruttura di ricarica necessaria allo sviluppo capillare della mobilità sostenibile. 

Questo, per i fleet manager, significa che è necessario agire con lungimiranza: una flotta green oggi significa un vantaggio competitivo domani. 

 

 

 

- Auto elettriche aziendali: le 4 fasi di transizione

È indubbio che i costi dei veicoli elettrici siano in diminuzione, complice anche una maggiore disponibilità di batterie che ormai garantiscono un’ampia autonomia. I gestori delle flotte aziendali hanno bisogno più che mai di una visione chiara su come integrare i veicoli elettrici nel loro parco veicoli.

Sempre secondo il report di EY, riconoscendo che le flotte non sono tutte uguali e che alcune magari non sono adatte all'elettrificazione in questo momento, è però probabile che il viaggio verso la e-mobility attraversi quattro fasi distinte: 

  1. Assessment. Una fase in cui il fleet manager considera le implicazioni sui costi, comprende il modello operativo ed esplora i tipi di veicoli e le infrastrutture di ricarica a disposizione; 
  2. Introduzione dei veicoli elettrici. In genere, si inizia sostituendo un piccolo numero di veicoli elettrici alla flotta esistente, per testarne le capacità; 
  3. Analisi. Il meccanismo dei feedback da parte dei conducenti e un processo di monitoraggio sono importanti per valutare il successo della strategia di elettrificazione; 
  4. Scale-up. La migrazione totale della flotta (o della parte ritenuta idonea) verso la mobilità elettrica. 

 

Flotte elettriche

 

 

In conclusione, l'Europa ha grandi ambizioni di decarbonizzazione. Uno dei fattori abilitanti per realizzarle è chiarissimo: le flotte aziendali. Queste agiranno come catalizzatore dell’elettrificazione, aiutando il mondo verso una transizione ecologica e trainando tutto il settore della mobilità verso una maggiore sostenibilità. 

 

Stai pensando di inserire nella tua flotta delle auto elettriche? Clicca sul bottone qui sotto e scarica la guida per compilare al meglio la car list! 

 

 

Scarica la guida su come compilare una Car List

 

 

2023-01-29 14:29:22

Vai all'articolo precedente

Gomme estive: cosa considerare per la scelta

Vai all'articolo successivo

Audi Lodi: Fratelli Giacomel a sostegno del territorio

Lascia il tuo commento