Viaggiare con l’auto elettrica: cinque consigli per pianificare tutto!

Non c'è dubbio che le auto elettriche siano il futuro della mobilità. Ci sono già importanti posizioni in merito: il governo del Regno Unito ha recentemente annunciato che vieterà la vendita di nuove auto diesel e benzina a partire dal 2030 e lo stato della California ha l'obiettivo di immettere 5 milioni di veicoli a emissioni zero sulle strade entro lo stesso anno.

Per coloro che vivono in una città con facile accesso alle stazioni di ricarica, il pendolarismo in un veicolo elettrico può essere un ottimo modo per risparmiare denaro su rifornimento e manutenzione, oltre che aiutare l'ambiente. Ma si possono fare viaggi lunghi senza pensieri, a bordo di un’auto elettrica? Sì, con l’aiuto di questi cinque consigli.

 

Quante ne sai sui veicoli green? Clicca sul bottone qui sotto e mettiti alla prova con il quiz! 

 

quiz mobilità sostenibile

 

 

Viaggiare con l’auto elettrica, consiglio #1: traccia la rotta in anticipo

Una vacanza in auto elettrica richiede un po' più di pianificazione di una vacanza con un'auto a motore tradizionale. L'autonomia e la rete di stazioni di ricarica sono gli aspetti più importanti da considerare: una panoramica delle stazioni di ricarica è essenziale. Esistono diverse app come Chargemap che danno la possibilità di verificare il posizionamento delle stazioni di ricarica e prevedere così le fermate ideali per fare un viaggio davvero senza pensieri. E per il tempo di ricarica? Questo è un dato variabile, dipende dalla disponibilità di stazioni di ricarica fast e dal modello della propria vettura. I dati però sono incoraggianti: serve sempre meno tempo per fare rifornimento. Audi Q4 e-tron, ad esempio, in soli 10 minuti ricarica fino a 19,7 kWh, pari a 130 km di autonomia.

 

 

Viaggiare con l’auto elettrica, consiglio #2: porta con te i connettori giusti

La corrente elettrica può essere fornita in modo diverso, a seconda dello standard disponibile nella stazione di ricarica. Quindi, per ricaricare l’auto elettrica in viaggio è importante avere con sé i connettori giusti. Non tutte le auto supportano tutte le tipologie di cavi, ma nel complesso esistono:

  • Tipo 1, supporta la ricarica casalinga monofase e trifase fino a 22 kW ed è usato principalmente per scooter e bici elettriche;
  • Tipo 2, per la tipologia di ricarica privata di veicoli effettuata in condizioni di sicurezza. Le prese di tipo domestico o industriale sono collegate attraverso un cavo di alimentazione provvisto di un dispositivo di regolazione e controllo elettronico, per garantire una ricarica sicura;
  • Tipo 3, una ricarica per ambienti pubblici, tipica delle colonnine delle stazioni di rifornimento, ma che può essere installata anche a livello privato attraverso le wall-box. Alle colonnine di ricarica pubbliche, per una vettura elettrica europea occorrono di norma un cavo di ricarica Tipo 3 con due spine tipo 2, le cosiddette spine Mennekes.
  • Tipo 4, per la ricarica rapida in corrente continua. Con questo sistema è possibile ricaricare i veicoli da 0% all’80% della carica in pochi minuti (dai 20 ai 50 circa). Esistono due standard: CHAdeMO (Giapponese) e CCS Combo (Europeo).

 

Auto elettrica in viaggio - ricarica

 


Viaggiare con l’auto elettrica, consiglio #3: fai attenzione alla modalità di guida

Nei veicoli elettrici (ma anche negli ibridi) esistono diversi aspetti che possono peggiorare l’autonomia disponibile e in generale le performance.

Tra queste c’è la guida aggressiva e l’uso non oculato dei climatizzatori.

L’impianto di condizionamento nelle auto elettriche è supportato dal motore elettrico, che quindi spende parte dell’energia per raffrescare gli ambienti. Il consiglio è quello di impostare il condizionatore ad una temperatura corretta, lasciando se possibile che sia il sistema in modo automatico a gestire l’erogazione. Molto spesso quando ci si siede alla guida di un’auto che è stata al sole o che presenta degli interni molto caldi, viene automatico accedere l’aria fresca al massimo e dirigerla verso il proprio corpo. Questo non è l’uso ottimale: una buona pratica è abbassare i finestrini un paio di minuti prima dell’accensione del veicolo, per far uscire l’aria calda, e accendere l'impianto anche solo su 23/24°, dirigendo le bocchette dell’aria verso la parte alta dell’abitacolo.

 

 

Viaggiare con l’auto elettrica, consiglio #4: scegli gli hotel con le stazioni di ricarica incluse

Oggi l’auto elettrica non è più un tabù: numerosi hotel e residence di incantevoli mete turistiche offrono la possibilità di usufruire di parcheggio con colonnine elettriche da utilizzare all’occorrenza.

Questo può essere un ulteriore incentivo all’uso dei veicoli a batteria nel momento in cui, arrivati a destinazione, si voglia poi usare l’auto per esplorare i dintorni o per spostarsi in autonomia verso nuove mete, senza dover ricorrere alla ricerca delle stazioni di ricarica pubblica.

 

viaggiare con lauto elettrica

 

 

Viaggiare con l’auto elettrica, consiglio #5: a ciascuna esigenza, il proprio veicolo

L’autonomia e il tipo di ricarica variano da veicolo a veicolo, così come le dimensioni e il design dei modelli. A seconda delle tue necessità, puoi scegliere fra auto elettriche con batterie di taglie molto diverse fra loro. Da Volkswagen e-up!, perfetta per veleggiare in centro città, fino a ŠKODA Enyaq iV, ideale per lunghi viaggi con tutta la famiglia.

 

Vuoi scoprire di più sui principali veicoli elettrici del gruppo Volkswagen? Clicca sul bottone qui sotto e scarica gratuitamente le schede tecniche!

 

Scarica le schede tecniche!

2021-07-28 12:34:19

Vai all'articolo precedente

My Audi e Audi Connect: scopri l’infotainment dei quattro anelli

Vai all'articolo successivo

Audi Q4 Sportback e-tron: tutta la potenza dell’elettrico