È nei momenti bui che bisogna accendere la luce. Il 2020 di Fratelli Giacomel

  • Redazione

Eccoci qui, alla fine di un anno difficile e all’inizio di una nuova era digitale.

Se guardiamo alla chiusura del 2019 e alle previsioni che avevamo fatto per il 2020, nessuno di noi potrà dirsi contento di come sono andate le cose.

Tuttavia, come ci racconta Damiano Dordi, Direttore Generale di Fratelli Giacomel S.p.A., è nei momenti bui che bisogna accendere la luce. E noi che lavoriamo nel settore automotive non abbiamo mai spento i fari e nemmeno i motori.

Con questa lettera del nostro Direttore vogliamo augurarvi Buon Natale e invitarvi a guardare il futuro con ottimismo.

 

 

 

Damiano Dordi, Direttore Generale di Fratelli GiacomelChe anno, il 2020. Chi se lo sarebbe aspettato? Noi di Fratelli Giacomel no.

Nel 2019 abbiamo battuto il record di fatturato: 242 milioni di euro. Un traguardo che ci ha reso soddisfatti, orgogliosi e pronti a iniziare il 2020 con una marcia in più.

La pandemia ha letteralmente stravolto le nostre previsioni: già al primo lockdown avevamo capito che non aveva più senso guardare al conto economico che avevamo preventivato. Il 4 maggio, con l’allentamento delle prime misure contenitive del virus, io e il mio team ci siamo parlati francamente e ci siamo detti “ok, da questo momento ogni giorno che passa è un giorno utile per recuperare la situazione e cercare di salvare l’anno”. E non parlo solo di fatturato: mi riferisco alla tutela dei posti di lavoro delle persone e della loro salute.

 

 

Sono rientrato in sede, mi sono chiuso nel mio ufficio e ho scritto su un post-it quello che poteva essere il punto di pareggio, il nostro break-even.

È uscito un numero molto inferiore rispetto ai 242 milioni del 2019, ma comunque una cifra sfidante per il periodo che stavamo vivendo. Con enorme soddisfazione, il 30 novembre abbiamo superato quella cifra di un milione, raggiungendo quota 197 milioni. Questo numero è quasi come un segno: è il fatturato che avevamo ottenuto nel 2018, prima della crescita del 2019 e prima della crisi globale.

Come abbiamo tagliato questo traguardo? Grazie all’impegno di tutti, grazie alla concentrazione del mio team, al senso del dovere e anche all’istinto che negli anni ci ha permesso di avvicinarci alle tecnologie digitali, senza dover correre ai ripari all’ultimo momento.

 

 

Quello che è successo a marzo-aprile è stato incredibile sotto tutti i punti di vista. A livello di business, la pandemia ci ha obbligato ad accelerare un processo che prima non era così sviluppato: la digitalizzazione è diventata essenziale.

Questo ci ha permesso di garantire la continuità del nostro lavoro, nonostante l’azienda fisica fosse chiusa.

Abbiamo ottimizzato il reparto BDC - Business Developement Center, digitalizzandone i processi. La crisi in questo senso è stata un volano che ci ha permesso di strutturarci meglio, utilizzando il BDC come collettore per tutti i contatti che le persone hanno con Fratelli Giacomel: dalla richiesta di informazioni ai preventivi, dalla programmazione delle manutenzioni al servizio clienti post vendita. L’esperienza positiva ci ha permesso di lavorare per mettere al centro del processo di vendita questo reparto, che ora è il ponte di collegamento dell’intera concessionaria ed è un vero e proprio luogo phygital, dove avviene l’intersezione tra il mondo fisico della vendita delle auto e quello digitale della ricerca di informazioni.

A tale scopo abbiamo anche aperto un blog dove raccontiamo la nostra filosofia, i trend della mobilità, i cambiamenti nella città di Milano e gli ultimi modelli di Volkswagen Group.

E non abbiamo mai fermato le selezioni, anzi abbiamo ancora delle posizioni aperte.

 

Fratelli Giacomel

 

Se il 2019 è stato l’anno del record di fatturato, il 2020 è quello del record del personale: abbiamo circa 195 collaboratori ed è anche grazie a loro se non ci siamo mai fermati. Abbiamo tenuto acceso il motore al minimo, pronti ad accelerare quando ne avessimo avuto l’opportunità.

E infatti abbiamo aperto la sede di Lodi, il 3 giugno, nonostante il periodo complicato, e abbiamo modificato il modello di business, che ci ha messo nella condizione di garantire le performance sulle quali ci eravamo ritarati.

Uno dei punti di forza della squadra è stata proprio la capacità di condivisione e la flessibilità nell’organizzazione: nei momenti di difficoltà ci siamo trovati intorno a un tavolo virtuale a condividere strategie per l’immediato e anche per il futuro. Il team non ha mai perso la speranza e il 2020, pur essendo un anno per certi versi da dimenticare, è stato un bell’anno dal punto di vista della valorizzazione delle risorse. Se quest’anno non ci riserverà altre sorprese possiamo “mettere la tacca”: un segnale positivo, che ci ha fatto capire quanto il valore del gioco di squadra sia fondamentale.

 

 

E ora, parliamo del futuro.

Tra il primo e secondo semestre del 2021 inaugureremo la nuova sede a Pavia, un progetto che è già confermato.

La nostra sezione di fleet management è in crescita, non solo a livello economico ma anche per quanto riguarda il personale.

Anche per il 2021 abbiamo scelto di supportare il promettente pilota Mattia Drudi. Un ragazzo capace e di rara umiltà a soli 22 anni. Stiamo confermando la partnership e abbiamo già rinnovato la vettura.

L’obiettivo che ci siamo posti per il nuovo anno è di raccontare tutte le marche di Volkswagen Group e far scoprire al nostro pubblico i punti di forza di un gruppo che ha una trasversalità incredibile e declinazioni che soddisfano ogni gusto, dallo stile alla sportività, fino ai veicoli green.

 

Fratelli Giacomel futuro

 

La sostenibilità è un altro argomento che ci sta a cuore. Il mondo ci sta dando un segnale importante: dobbiamo modificare il nostro stile di vita se vogliamo abitare e soprattutto lasciare ai nostri figli un pianeta salubre. I numeri delle auto elettriche ci dicono che il processo sta subendo un’accelerazione fortissima e noi vogliamo aiutare la città di Milano a diventare sempre più smart e sostenibile proponendo una scelta di veicoli elettrici che soddisfino tutte le necessità.

Per questo stiamo anche studiando un progetto di mobilità che segua il principio della nostra Philosophy: “Mobility is for all”.

Ma non vogliamo svelare troppo: basti sapere che noi di Fratelli Giacomel nei momenti bui abbiamo tenuto i fari accesi, e vogliamo guidarvi verso una mobilità - e un futuro - che sia davvero alla portata di tutti.

 

Tutto il team di Fratelli Giacomel rinnova gli auguri per un sereno Natale ricordando una frase di Enzo Ferrari:

 

sono i sogni a far vivere l’uomo. Il destino è in buona parte nelle nostre mani, sempre che sappiamo chiaramente quel che vogliamo e siamo decisi ad ottenerlo.

 

 

Damiano Dordi, Direttore Generale di Fratelli Giacomel S.p.A. 

 

 

 

Vai all'articolo precedente

Incentivi auto 2021: cosa prevede la Legge di Bilancio

Val all'articolo successivo

Nuova SEAT Leon vince il premio Autobest 2021